Nel Regno della Luce

di Santi Fugazzotto

 

L’elemento distintivo e di maggiore preminenza nell’arte pittorica di Lio Sottile è la composizione.

 

Non necessariamente una composizione armonica e proporzionata, è migliore di una che ha le caratteristiche opposte. Più spesso, anzi, quando queste elaborazioni ci comunicano sensazioni diverse, preferibile sarà quella che meglio potrà contribuire ad elevare il messaggio finale che l’artista vuole offrirci con la sua opera.

 

L’arte pittorica è cambiata in modo evidente, come lascito ereditario accumulato dalle generazioni precedenti. Nel nostro tempo la composizione come rapporto fra soggetto e modo di porsi di fronte al soggetto, è il terreno fondamentale su cui si evolve oggi questa trasformazione. La scena dipinta sulla tela non è più intesa come una finestra aperta sul mondo, bensì è una finestra che si apre sulle nostre immagini mentali. Ecco che la pittura, diventa così un’operazione di rappresentazione d’immagine prodotta dal nostro pensiero. L’essere che abita dentro di noi, elabora le cose viste attraverso le nostre sensazioni ed emozioni. Mediante un vero e proprio sistema di decodifica che l’artista, sviluppa per svelare sul quadro le sue più intime commozioni. In cui le linee del figurato: tracciano il confine esistente fra le zone dello spazio. E per mezzo del colore esternano sulla tela le proprie passioni. Su queste linee di ricerca e di progettazione espressiva, il sentire prevale sul vedere. Tra tensioni, passioni e visioni, si concreta nel tempo l’attività artistica del pittore di cui si argomenterà questo mese. Ed il pittore di cui si parlerà questo mese è Lio Sottile. Che nel modo di raffigurare l’arte pittorica sul quadro, nel suo itinerario espressivo, nel tempo, ha sempre manifestato nella sua pennellata un innato fervore creativo con vivace arditezza. Nelle sue progettazioni pittoriche, su queste regole, con intensità nuova e singolare, il nostro pittore fonda il concepimento della propria arte espressiva. Nei fondali di scena il nostro artista evidenzia questi suoi criteri dottrinali, nel modo di rappresentare la profondità e la prospettiva. Apertamente manifesta la sua naturale volontà, di voler raffigurare la superficie della tela con la rappresentazione dei corpi in movimento. Sottile nelle sue opere pittoriche fa uso di una raffinata gamma di gialli e di rossi, e anche di una quantità rilevante di azzurrati usati nelle diverse tonalità. Ecco che in modo prevalente, si può ammettere che il Sottile nei suoi dipinti utilizzi i colori in funzione dinamica ed emotiva. Nel pensiero del nostro pittore l’arte pittorica è l’espressione di ciò che l’artista si porta all’interno della sua anima, con notevole energia interiore. Lio Sottile, è persona tenace e, dimostra fermezza nel voler portare a compimento i propri obiettivi. Nel suo ciclo artistico Sottile, partendo dal rinascimento di Michelangelo e di Raffaello, delle sue prime esercitazioni, è passato poi al Cubismo di Picasso.

 

Oggi, stabilmente, accetta e condivide in pieno i canoni dell’espressionismo pittorico del nostro tempo. Sottile esprime e manifesta questa sua visione dell'arte con una notevole carica di sensualità, che si lascia spesso trasportare da oniriche invenzioni e immagini mitologiche, con racconti mitici e leggende della nostra mediterraneità. Arte espressiva e vigorosa a trecentosessantagradi, quella espressa da Sottile. In cui l’interiorità profonda del soggetto, domina sulla rappresentazione dell’aspetto visibile delle cose. Dove le immagini nel loro carattere narrativo, esprimono un sentimento. Nella nostra modernità i maestri dell’arte pittorica di Leo Sottile diventano così in modo evidente: Vasilij Kandinskij e Franz Marc, Max Beckmann, Edvar Munch, Egon Schiele ed in parte anche Van Gogh. Maestri di pittura a noi vicini nel tempo che con la loro opera, hanno saputo esprimere quell’espressionismo attento alle voci del nostro mondo interiore. Ed il cui tema principale di questi Maestri nelle loro composizioni, era il colore. Il colore inteso come mezzo, per esprimere i moti dell’anima. Ecco che le figure di donne e i cavalli realizzati da Sottile, sono avvolte da morbidi e luminosi ornamenti. Con una sapiente disposizione cromatica, tendente all’armonia come valore spirituale. Sottile per le scelte pittoriche intraprese con notevole forza espressiva, può essere considerato un artista della nostra modernità. Perché nel suo modo di fare arte pittorica, è in sintonia con il nostro tempo. Rifacendosi nello stile proprio a quel gruppo pittorico che nel secolo scorso, fu chiamato “Der Blaue Reiter”, per l’utilizzo di colori luminosi. E nelle loro composizioni questo gruppo amava più d’ogni altro disegnare i cavalli. Nei loro quadri il colore che preferivano utilizzare, era il blu. Quello stesso blu che Sottile, preferisce usare nei suoi dipinti. Un’ampia visione delle opere in scultura e di pittura di Lio Sottile può essere vista ed ammirata anche, andandolo a trovare nel suo sito Web: “www.liosottile.it”. Nel sito Web il nostro pittore, permanentemente, espone le sue opere, alla visione dei tanti visitatori che lo andranno a trovare…